Tag: piselli

GAZPACHO DI PISELLI

GAZPACHO DI PISELLI

Ingredienti per 4 persone

  • 500 g di piselli freschi o surgelati
  • 100 g di pane casereccio
  • acqua ghiacciata q.b.
  • 1 cipolla bianca o dorata
  • 80 ml di panna
  • sale q.b.
  • menta fresca q.b. per decorare
  • qualche crostino per decorare

 

 

Preparazione

Mettete sul fuoco una pentola d’acqua e nell’attesa che raggiunga il bollore sgranate i piselli (se sono freschi) e sbucciate la cipolla poi tagliatela a metà. Non appena l’acqua bolle salatela e tuffatevi la cipolla e piselli.

A cottura ultimata scolate i piselli e la cipolla e passateli in acqua ghiacciata in modo da bloccare la cottura. Frullate con il mixer ad immersione con la panna e il pane, aggiungete un po’ di acqua di cottura dei piselli se necessario per ottenere una consistenza cremosa. Aggiustate di sale e lasciate raffreddare in frigorifero fino al momento di servire.

Distribuite il gazpacho in bicchierini monoporzione e decorate con pisellini freschi, crostini di pane croccante e foglioline di menta fresca. Infine servite.

Il gazpacho preparato seguendo questa ricetta può essere conservato in frigorifero coperto con pellicola trasparente per 2-3 giorni.

 

 

Aspetti nutrizionali.

I piselli (Pisum sativum) appartengono alla famiglia delle Fabacee. Sono tra i legumi più antichi e la loro origine non è chiaramente conosciuta.

Grazie al significativo contenuto in proteine, zuccheri, vitamine e sali minerali, i piselli possiedono un elevato potere nutritivo; essi sono ricchi di ferro biodisponibile (utile in alcune forme di anemia), fosforo (indispensabile per il metabolismo delle cellule nervose e per fissare il calcio nelle ossa), calcio e potassio. I piselli freschi sono tra i legumi più ricchi di vitamina A la cui carenza può indurre secchezza della pelle e delle mucose. I piselli contengono una limitata percentuale di quegli amidi che provocano il classico meteorismo tipico di altri legumi, per cui risultano essere più digeribili rispetto ai fagioli ed ai ceci.

Contengono anche molta dopamina che li rende indicati nel trattamento del morbo di Parkinson.

A questo scopo e non solo, per sfruttare meglio le proprietà nutrizionali dei piselli è consigliabile consumarli freschi in quanto, con il processo di essicazione, perdono gran parte delle loro vitamine e diventano meno digeribili.

Come tutti i legumi, i piselli contengono alte quantità di antienzimi, i quali se per un verso riducono l’assimilazione delle proteine (effetto trascurabile vista la notevole quantità di queste nella nostra dieta), dall’altro contrastano lo sviluppo di alcuni virus e l’azione di alcune sostanze cancerogene nel nostro intestino.

Grazie al buon contenuto in fibre, se impiegati freschi, i piselli esplicano un’azione lassativa, oltre a contribuire a mantenere nella norma il colesterolo e i valori pressori.

La funzione principale della menta è quella di sedazione e di freno dell’irritabilità neurologica. Infatti le caramelle alla mente sono ricercate in modo particolare dai soggetti ansiosi o ipereccitabili. La tisana alla menta viene sfruttata invece perché ha un effetto digestivo e antispastico sullo stomaco.

Dott. Enrico Magini
biologo nutrizionista
esperto in counseling nutrizionale
nutrizione nelle varie discipline sportive

RISO SEMI INTEGRALE CON I PISELLI E PISTACCHI

RISO SEMI INTEGRALE CON I PISELLI E PISTACCHI

P1040052

Ingredienti:

  • 300 gr riso arborio semintegrale
  • 1 cipolla di Tropea
  • 50 gr zenzero
  • 250 gr piselli [*]
  • olio extravergine marino
  • sale marino integrale q.b.
  • ½  bicchiere di vino bianco secco
  • 50 gr pistacchi
  • peperoncino q.b.
  • acqua [**]

04.11

procedimento:

mettere su una capiente padella di acciaio a soffriggere con l’olio, senza abbondare,  la cipolla precedentemente lavata e tagliata con lo zenzero ridotto a piccoli cubetti, far appassire leggermente aggiungere il sale, metà del vino e poi il riso tostandolo con il restante.
Ora aggiungere gradualmente l’acqua, che deve essere calda,  a fine cottura i piselli, i pistacchi e il peperoncino a pezzetti aggiustando di sale.
I piselli sono stati cotti al vapore precedentemente e i pistacchi ridoti a granella

mulino-giare-cipolle

Note:

[*] la provenienza dei piselli e importante, come il fatto che si debba usare preferibilmente quelli freschi, nel rispetto della stagionalità.

[**] la quantità di acqua per tirare il riso [ossia portarlo gradualmente a cottura] varia a seconda dei gusti riguardo la consistenza dello stesso, inoltre può essere sostituita con un leggero brodo vegetale o di miso, comunque brodi leggeri che non si sovrappongono all’equilibrio di sapori creatosi con la cottura.

granella-di-pistacchio-di-bronte_0

Questo piatto a differenza di altri primi acquista il giorno dopo un sapore ancora più uniforme lasciando la percezione dei singoli ingredienti ed è da assaporare a temperatura ambiente.

Sia appena cotto che mangiato successivamente si può una volta impiattato mettere un filo di olio

ricetta di Sergio Belli

 

zenzero_NG3

 

LE RICETTE DELLA TRADIZIONE – APRILE – LE SEPPIE CON I PISELLI [ Le Secce co li Veselli ]

LE RICETTE DELLA TRADIZIONE – APRILE – LE SEPPIE CON I PISELLI [ Le Secce co li Veselli ]

Con il mese di Aprile, aggiungiamo all’interno della pagina Ricette, uno spazio dedicato alla cucina tradizionale, alle ricette dei piatti con i quali siamo cresciuti, alle pietanze condivise insieme ai nostri nonni, ai genitori e magari al vicino che si affacciava all’improvviso all’ora di pranzo! Testimone, la pietanza, di quella quotidianità ormai lontana ma mai perduta  sempre pronta a riaffiorare al primo boccone di “ ricordi

LE SEPPIE CON I PISELLI [ Le Secce co li Veselli ]

ingredienti

  • seppie
  • piselli
  • cipolla
  • aglio
  • passata di pomodoro
  • maggiorana
  • prezzemolo
  • peperoncino
  • olio extravergine di oliva
  • sale s.q.

 

Procedimento: preparare un soffritto con abbondante olio, cipolla, aglio in camicia, maggiorana e prezzemolo, unire le seppie dopo averle mondate, spellate e tagliate a strisce, togliere l’aglio e aggiungere i piselli, appena sgranati, sfumare con vino bianco. Aggiungere la passata di pomodoro portare ad ebollizione per poi abbassare la fiamma far cuocere per altri 15/20 minuti aggiungendo a piacere [in base a quanto si voglia la consistenza] acqua calda. Cuocere possibilmente in una teglia di coccio, tenendo alzato il coperchio ed a fuoco lento. Aggiustare di sale.

 

dsc05657 seppie

 

Piselli

Da utilizzare come condimento per una pasta corta  [formato pipa rigata o conchiglie sempre rigate] o da gustare con il pane fresco o appena tostato. Buon appetito!!!