L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di OTTOBRE [2017]

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di OTTOBRE [2017]

Il poster del mese di ottobre è un po’ diverso da quello che effettivamente troviamo le nostre zone di produzione. Le nocciole quest’anno sono arrivate molto in anticipo, c’erano già alla fine di agosto. Mele, pere ed uva sono già state raccolte in settembre. Patate e carote non mi risultano in produzione in questo periodo.

Sicuramente questo è il momento di cavoli, cavolfiori, finocchi e zucche. Una situazione particolare dovuta dalle temperature e data dalle rifioritura di alcune piante. Pomodori, nespole, addirittura le fragole in alcuni casi hanno foglie e fiori.

Quelle che però in questo momento attira le attenzioni dei coltivatori sono le olive e sul periodo migliore per la raccolta per una resa migliore sia per la quantità ma anche per la qualità. Infatti una raccolta precoce darà una quantità minore di olio ma una qualità superiore.

Con una raccolta più ritardata, con olive più mature, si perde un po’ in qualità. Non è facile individuare il momento giusto per coniugare il giusto rapporto tra le due posizioni. Quello che c’è da dire è che quest’anno le olive sono bellissime, senza danni prodotti dalla mosca olearia in quanto date le alte temperature di questa estate la mosca è stata assente (di solito non si presenta con temperature che superano per lunghi periodi i 30 gradi). Non c’è stato bisogno quindi neanche di trattarle con prodotti.
La luna nuova c’è stata il 19 ottobre.

corbezzolo

nespole in fiore

cachi

cachi protetti dalla rete per gli uccelli

pianta ornamentale, questa estate aveva perso tutte le foglie

olive

piante di carciofo

articolo e foto di Titti Turrini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *