Categoria: Orto

UN NUOVO ORTO A HOLYFOOD

UN NUOVO ORTO A HOLYFOOD

P’Orto Franco, l’azienda agricola nata da un fortuito incontro.

P’Orto Franco nasce da un incontro. Roberto e Paola si conoscono per caso, tra una pattinata e l’altra, durante un pomeriggio estivo sul lungomare di Porto Sant’Elpidio. Ed è subito amore. Roberto è da poco diventato agricoltore a tutti gli effetti, e ha già all’attivo una serie singolare di esperienze: architetto, candidato sindaco, viaggiatore. È un vulcano di idee in continua eruzione. Paola già da tempo aveva in mente di dedicarsi alla terra, ma non era riuscita ancora a concretizzare questo suo sogno. Divideva il suo tempo tra il lavoro al bar e quello di babysitter, e questa nuova storia l’ha convinta a cambiare vita. Insomma, come si dice in questi casi: era proprio destino! Iniziano da subito a collaborare in maniera saltuaria, ma l’idea di lavorare la terra insieme a tempo pieno cresce man mano che passano i giorni. Tra febbraio e marzo 2017 viene prendendo forma quella che poi diventerà l’azienda P’Orto Franco. La coppia diventa subito un quartetto perché le due sorelle di Paola, Lucia e Chiara, trainate dall’energia scaturita da questa novità, iniziano a prendere in considerazione l’idea di unire le forze per creare qualcosa di concreto, per realizzare insieme il sogno fino ad allora sopito di dedicarsi alla terra. Ad aprile 2017 parte il rodaggio della squadra piantando un grande e variegato orto, e nel giugno successivo viene fondata l’azienda agricola. L’avventura da neo agricoltori è sicuramente affascinante, ma non è da prendere sotto gamba, così ognuno ha messo “nel mucchio” le proprie conoscenze, le proprie capacità e tanta voglia di imparare. Roberto ha applicato le competenze accademiche e lo studio intrapreso negli ultimi anni nel campo della permacultura. Ha poi frequentato dei corsi di specializzazione come quello per la potatura degli ulivi. Lucia, Chiara e Paola non sono del tutto neofite, in realtà sono già avvezze alla campagna, essendo nate e cresciute tra orti e galline, e avendo ricevuto in eredità dal padre Franco il seme della passione per la terra. Amore e passione sono quindi gli elementi che hanno favorito la nascita di questa azienda agricola. La voglia di libertà e la necessità di vivere nel rispetto dei tempi della natura sono stati elementi altrettanto importanti, che hanno dato la giusta motivazione a questi quattro giovani di lanciare il cuore oltre l’ostacolo. I ragazzi di P’Orto Franco vi aspettano a Sant’Elpidio a Mare in via Cretarola 1381 (vicino alla chiesetta di legno), e in via Re Umberto I, 612 a Porto Sant’Elpidio,  per farvi assaggiare il sapore genuino degli ortaggi di stagione!

A scadenze quindicinali sapremo cosa è stato raccolto, un reale chilometro zero, che viene seminato e che sta crescendo, le Lune,  che ci offre la stagione, riappropriandoci dei cicli, questo ci consente di essere coscienti nella scelta quotidiana di cosa acquistare. 


Questa è un’altra storia di p’Orto Franco che presto racconteremo
L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di LUGLIO [2018]

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di LUGLIO [2018]

Luglio è il mese dell’anno forse più ricco di prodotti della terra. Tra i frutti troviamo le prugne, le pesche, ancora qualche tipo di albicocca tardiva, le pere , le angurie e i meloni . Nell’ orto troviamo i pomodori di tutti i tipi ( cuore di bue, san marzano, ciliegini, ecc.) , zucchine, melanzane, fagioli, fagiolini, peperoni, insalate, cetrioli.
I lavori nell’orto più importanti sono l’innaffiatura delle colture, l’estirpazione delle erbacce, la legatura ai sostegni delle piante di pomodori e la loro sfemminellatura cioè togliere i rametti ascellari che nascono in modo che si sviluppino di più i pomodori. Tutto questo sempre che il tempo sia dalla nostra parte . Vento , grandine e temporali quest’anno non stanno aiutando.

ANGURIA

PRUGNA REGINA CLAUDIA

UVA

MELONE RETATO

POMODORI

POMODORO BASSO PER LA PASSATA

FAGIOLINI, FICHI, PRUGNE

ZUCCHINE

MELO

PERO

Testo e foto di Titti Turrini

 

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di GIUGNO [2018]

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di GIUGNO [2018]

Anche il mese di giugno ormai è alla fine e in campagna le produzioni che in questo mese dovrebbero essere in pieno regime stentano a causa del tempo. Già le coltivazioni orticole e le piante da frutto hanno subito un ritardo dovuto alle forti gelate della fine dello scorso inverno, poi anche una primavera non certo favorevole non sta aiutando . Pioggia, temperature non in sintonia con il periodo e soprattutto forti grandinate stanno mettendo a dura prova le coltivazioni. Le ciliege sono ormai al termine ma non è stato un buon raccolto in quanto per chi le ha avute spesso in maturazione si sono rovinate ed erano piene di vermi,o danneggiate dalla grandine. Fragole e albicocche sono andate abbastanza bene. Nell’orto troviamo i pomodori, le melanzane, zucchine, fagiolini, insalate, meloni e le varie erbe aromatiche. Per fave e piselli ormai il tempo è finito.


Anche le olive , con la grandine , hanno subito dei danni.


Ora il problema maggiore, dato dall’alto tasso di umidità, è lo sviluppo di afidi che attaccano le piante di fagiolini, zucchine, meloni e le piante da frutto. Anche per gli ulivi c’è il problema della mosca che con l’umidità e le temperature non eccessivamente alte trova il suo ambiente favorevole.
In questo momento si possono piantare fagioli e fagiolini per la raccolta di settembre.

nocciole

fichi

fagioli

susine

mais

melanzane

pianta di lavanda

melograni fiorito

commento e foto di Titti Turrini

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di MAGGIO [2018]

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di MAGGIO [2018]

Maggio da il via alle raccolte della bella stagione. È il momento dei carciofi, degli asparagi, dei piselli,delle favee delle insalate. Quest’anno un po’ in ritardo rispetto agli anni precedenti a causa delle forti gelate di fine inverno.


Per quello che riguarda la frutta troviamo le ciliegie e le fragole. Nel caso delle ciliegie la produzione purtroppo sarà piuttosto scarsa in quanto molti alberi sono stati danneggiati dalle gelate. Dove si sono sono salvate le piante molti rami sono secchi.


Nell’orto fervono i lavori di semina e di trapianto. Si seminano fagioli, fagiolini e si trapiantano le piantine di pomodori, peperoni,melanzane, meloni, cocomeri, erbe aromatiche.


Speriamo che per il tempo meteorologico aiuti a recuperare il tempo perso e a riparare in parte i danni fatti.


testo e foto di Titti Turrini

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di APRILE [2018]

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di APRILE [2018]

Sta arrivando la bella stagione ….forse. Anche se è piovuto il 4 aprile e la saggezza popolare dice che pioverà per 40 giorni. Speriamo di no perché la campagna ha bisogno di belle giornate di sole che possano risvegliare la natura da un inverno terribile come quest’ultimo. Gli effetti delle gelate sulle piante sono ancora molto evidenti. Anche le colture orticole sono indietro con la maturazione.

I carciofi iniziano a far capolino. Fave e piselli sono ancora piuttosto indietro, così come gli asparagi. Le piante da frutto sono in fiore e sono bellissime anche se qualcuna ha dei rami bruciati dal gelo. Agli e cipolle invece hanno retto bene.

fava in fiore

fava

piselli

agli e cipolle

Le piantine delle fragole sono fiorite. Bisogna lavorare la terra per prepararla ai trapianti di pomodori, zucchine,peperoni, melanzane, meloni e alle semine di fagioli e fagiolini.
Insomma inizia la stagione dei lavori in campagna. Speriamo bene.

ciliegio

ciliegio

melo

albicocco

fico con le prime foglie

testo e foto di Titti Turrini

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di MARZO [2018]

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di MARZO [2018]

Siamo finalmente in primavera . La stagione del risveglio della natura, dei fiori, delle temperature più miti….. non è vero niente . Quest’anno purtroppo il tempo ci ha riservato un brutto scherzo. Le temperature restano ancora molto basse, il sole si concede poco e tutto ciò non aiuta certo l’orto e il frutteto. Le colture sono molto indietro nello sviluppo e le piante che avevano cominciato timidamente a far sbocciare le gemme con l’arrivo di nuovo del freddo hanno avuto dei problemi in quanto molte di esse hanno perso i fiori.
I prodotti del poster sono quelli tipici dei mesi invernali e molti vengono da fuori perché le gelate eccezionali che hanno interessato gran parte del paese hanno rovinato i prodotti dell’orto.
Fave e piselli sono pressoché fermi e da una parte è un bene perché se fossero più avanti nello sviluppo, cioè con i fiori, il freddo li avrebbe bruciati. Speriamo che le temperature comincino ad essere allineate al periodo. Anche per le potature, importanti in questo periodo, è un rischio in quanto la pianta quando viene potata è come se si aprisse una ferita a cui il freddo può procurare gravi danni.
Intanto possiamo cominciare però a seminare le colture estive negli alveoli come pomodori, peperoni, zucchine, ecc. tenendoli alla luce del sole perb non farli filare ma al caldo.

Titti Turrini

prugno

gemme di pesco

piselli

fava

agli

carciofi

potature di olivo

gemme di ciliegio

pesco giapponese [è una pianta ornamentale]

testo e foto di Titti Turrini

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di FEBBRAIO [2018]

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di FEBBRAIO [2018]

Ci ritroviamo nel commentare il poster in questo mese di febbraio ricordando che i prodotti delle nostre zone presenti sono veramente pochi.
Possiamo trovare broccoli, cavoli, finocchi, verze, spinaci e poco altro.


Arance, mandarini, kiwi li abbiamo ma provenienti da altre regioni.
In crescita ci sono le piante di piselli , fava e carciofi che potremo gustare da aprile in poi.
Le piante da frutto, complice il mese di gennaio piuttosto mite, hanno iniziato a mettere le gemme però in questi giorni di fine febbraio si preannuncia un brusco e sensibile abbassamento delle temperature con gelate che potrebbero compromettere seriamente la produzione. Anche per le potature ci potrebbero essere dei problemi in quanto molti coltivatori hanno anticipato la potatura soprattutto degli ulivi e le ferite che si fanno tagliando i rami potrebbero non essere ancora rimarginate e il gelo potrebbe danneggiare le piante. Speriamo che il maltempo che si prevede non faccia troppi danni.

Titti Turrini

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e la verdura di GENNAIO [2018]

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e la verdura di GENNAIO [2018]

Il poster del mese di gennaio non si discosta molto da quello del mese scorso. Nei mesi invernali d’altronde la natura principalmente si riposa e si ricarica di energie per l’arrivo della primavera.

Gli agrumi in questo periodo la fanno da padrone nei banchi dei mercati e dei negozi ma non sono certo dei prodotti della nostre zone. Come le mele e le pere non sono di questo periodo anche se quest’anno le mele hanno avuto una brutta annata anche nelle zone di produzione.


Per quello che riguarda l’orto invece nelle nostre zone troviamo sicuramente cavoli, broccoli, finocchi, spinaci, bietole ma non ancora i carciofi.  Le giovani piantine di fave e piselli lentamente crescono.

Titti Turrini

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di DICEMBRE [2017]

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di DICEMBRE [2017]

Siamo arrivati all’ultimo mese di questo 2017. Le temperature sono piuttosto rigide e nell’orto troviamo broccoli , cavoli, cime di rapa, spinaci,finocchi e insalate varie. I carciofi, come più volte detto , nelle nostre zone li troveremo solo in primavera.

Per quello che riguarda il frutteto non troviamo che i cachi in quanto gli agrumi non sono in produzione nelle nostre zone e mele e pere abbiamo quelle conservate nelle celle in assenza di ossigeno o importate ( specificatamente le pere). In alcune zone troviamo i kiwi.

In questo periodo la natura si riposa e si può procedere con i vari tipi di concimazione.
Si possono piantare gli agli.

Titti Turrini

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di NOVEMBRE [2017]

L’ORTO DI TITTI considerazioni sulla frutta e verdura di NOVEMBRE [2017]

Il poster di questo mese di novembre riferito alle nostre zone non è molto veritiero per quello che riguarda soprattutto i frutti. L’unico presente è il caco o loto.
Nelle verdure troviamo sicuramente gli spinaci, le bietole, le varie insalate, il radicchio. I finocchi , i cavoli e i broccoli sono propri di questo periodo.

Nell’orto si sarà provveduto alla semina dei piselli e della fava.

Quello che però nel mese di novembre attrae di più nelle campagne è la raccolta delle olive. C’è una vera e propria ansia per le aspettative della raccolta e della successiva molitura, che dura un anno intero normalmente ma questa volta sono due gli anni di attesa dopo l’anno orribilis 2016.

Le speranze non sono andate tradite nonostante la stagione estiva caldissima e la siccità le olive in linea di massima sono belle come non mai , sanissime senza nessun attacco della mosca olearia, l’unico problema che non tutte le piante hanno prodotto nella stessa maniera anche se vicine. Anche la resa è stata buona un po’ per tutti. I vari frantoio dopo il brutto anno scorso si sono rifatti lavorando incessantemente.

olive prima della pulitura delle foglie

aspirazione delle foglie

lavaggio delle olive

macina

gramolatura

separazione nel decanter dell’olio dall’acqua e risultato finale

articolo e foto di Titti Turrini