Categoria: Dolci

TRECCINE DI GRANO SARACENO E RICOTTA [SENZA GLUTINE]

TRECCINE DI GRANO SARACENO E RICOTTA [SENZA GLUTINE]

Ingredienti:

  • 200 grammi di farina di grano saraceno
  • 180 gr di zucchero semolato
  • 300 gr di ricotta asciutta
  • scorza di limone grattugiato
  • 8 gr di lievito per dolci
  • un pizzico di sale
  • 1 uovo

 

Preparazione:

Si mescolano la farina, lo zucchero, il lievito in una ciotola. Dopo che sono ben mescolati si aggiunge un pizzico di sale.

Si aggiungono la ricotta e la buccia di un limone grattugiata e si mescola tutto.Il composto deve risultare omogeneo e morbido, ma della consistenza giusta per essere lavorato.

Se la ricotta non è molto asciutta, occorrerà aggiungere farina fino a quando sarà possibile fare dei filoncini. Se il composto rimane appiccicoso, anziché le treccine possono essere realizzati dei biscotti, a forma di filoncino. Questi, incisi sopra, risulteranno comunque invitanti e gustosi.

In entrambi i casi, per mantenere la morbidezza per più giorni, le treccine o i biscotti vanno conservati un contenitore chiuso.

I filoncini devono essere spessi almeno due centimetri, della lunghezza che si preferisce, per poter fare la treccina.

Dopo aver fatto le treccine e averle disposte sulla piastra del forno o su un contenitore di alluminio si spennellano con l’uovo e si aggiunge lo zucchero semolato.

Il forno deve essere preriscaldato a 180°. Il tempo di cottura è 20 minuti in forno ventilato. Se si utilizza la farina di riso, le treccine risulteranno meno spesse.

Per gli amici preparo le treccine con la farina integrale macinata a pietra. Con la farina con glutine, la lievitazione è, indubbiamente, migliore.

 

Ricetta e foto di Annalinda Pasquali

BUDINO DI SEMI DI CHIA [chia pudding – senza glutine – senza cottura]

BUDINO DI SEMI DI CHIA [chia pudding – senza glutine – senza cottura]

“Quando arriva la stagione calda abbiamo voglia di mangiare cibi freschi, anche a colazione.
Vi proponiamo la nostra versione del chia pudding, il budino di semi di chia: ne esistono altre varianti, questa è quella che ci piace di più. Pratico da realizzare, ci nutre con le ottime proprietà dei semi e ci dona un meraviglioso senso di sazietà .”
Monica

 

ingredienti:
dose per una persona:

  • 1 cucchiaio da tavola di semi di chia
  • 125 g yogurt di soia o di mandorla (un vasetto piccolo)
  • dolcificante a piacere
  • frutta fresca a piacere (io pesche, ciliegie e more)

procedimento:

Mettete il cucchiaio di semi di chia in una tazza o in un bicchiere.
Versate sopra lo yogurt e mescolate molto bene, soprattutto verso il fondo del contenitore, per evitare grumi di semini.

Potete usare yogurt di soia naturale oppure alla frutta, oppure yogurt di mandorla. Se lo yogurt è al naturale, potete dolcificarlo con zucchero di canna integrale, sciroppi vari (agave, acero, riso, ecc..) o malti. Io non lo faccio perchè ormai mi sono abituata a mangiare tutto senza zucchero aggiunto, mi bastano gli zuccheri della frutta.

Riponete il contenitore in frigorifero e fate riposare per qualche ora.
Potete mescolare i semi e lo yogurt alla sera: al mattino troverete i semi belli gonfi e compatti, quindi li potrete guarnire con la frutta fresca e godere di una benefica e buonissima colazione!

ricetta e foro del blog VEGALLEGRI

 

hojaldras colombianas [ricette della tradizione]

hojaldras colombianas [ricette della tradizione]

“La sua origine è molto antica, a Cali, è una deliziosa prelibatezza, facile da preparare. – Su origen muy antiguo, en Cali es un manjar delicioso, sencillo de preparar.”

INGREDIENTI:

  • farina
  • latte
  • burro
  • sale e zucchero a piacere

 

PROCEDIMENTO:

Unire tutti gli ingredienti fino a quando l’impasto non affonda nelle tue mani.
Lasciarlo riposare e poi dividere l’impasto in piccole porzioni, su un tavolo mettere po di farina e con un mattarello allungare la pasta. Tagliare in piccole porzioni.

Mettere l’olio nella pentola a fuoco medio. Stendere leggermente l’impasto prima di iniziare a friggere, girandolo velocemente, per poter “prendere respiro”.

Quando sono pronti, vengono rimossi e cosparsi di zucchero, buccia d’arancia o cannella a piacere,
possono essere accompagnati con un bicchiere di vino dolce, porto o moscato.

 

 

INGREDIENTES

  • harina
  • mantequilla
  • leche
  • sal y azúcar al gusto

 

ACTAS:

Se unen todos los ingredientes hasta que la masa no se peque en las manos. Se deja reposar y luego divide la masa en pequeñas porciones.

 

En una mesa pone harina y con un rodillo extiende la masa, corta en pequeñas porciones, colocar aceite a calentar a fuego medio.

Teniendo la masa en la mano se extiende un poco más y se ponen a freír, se voltean al instante para que cojan aire.

Cuando estén listas se sacan y se espolvorean con azúcar , ralladura de naranja o canela al gusto, se pueden acompañar con una copa de vino dulce tipo oporto o moscatel

 

immagini e ricetta – imagenes y receta de Diego Valencia

TORTA DI MELE

TORTA DI MELE

“Qual è la torta perfetta per quando si hanno ospiti all’improvviso? Per me la torta di mele! Veloce da realizzare, bella da vedere, buona da mangiare. Provatela!”

Giorgia

INGREDIENTI:

200 g farina tipo 2
100 g farina integrale
100 g zucchero canna
1 bustina lievito per dolci a base di cremor tartaro
1 pizzico di sale
80 g olio semi di girasole
250 ml (circa) bevanda vegetale (io soia)
4 mele

 

PROCEDIMENTO:

Versate gli ingredienti secchi in una ciotola, cioè le farine, lo zucchero, il lievito ed il pizzico di sale. Mescolate.


Aggiungete sia l’olio che la bevanda vegetale un po’ alla volta, e mescolate con una frusta da cucina per incorporarli alle polveri. Otterrete un impasto omogeneo e cremoso.Sbucciate tre delle quattro mele e tagliatele a tocchetti. Aggiungetele al composto e mescolate bene per amalgamarle.


Ungete e infarinate una teglia tonda con cerniera di circa 20-22 cm di diametro e versatevi il composto.
Sbucciate la quarta mela e tagliatela a fettine sottili. Decorate la superficie della torta a piacere; io le ho disposte a raggiera, come se fosse un fiore.


Cuocete in forno statico preriscaldato a 180°C per 45/50 minuti. Fate sempre la prova stecchino.
Lasciate raffreddare prima di servire.

ricetta e immagini del blog VEGALLEGRI

NUTELLA VEG – senza zucchero senza olio senza glutine

NUTELLA VEG – senza zucchero senza olio senza glutine

Chi evita di mettere lo zucchero raffinato nei dolci, si ingegna per ottenere risultati ugualmente deliziosi. È proprio il caso di questa buonissima crema spalmabile alle nocciole e cacao, che si può mangiare in tutta tranquillità poiché non contiene nemmeno olio. È una rivoluzionaria “nutella” vegana!

INGREDIENTI

150 g nocciole sgusciate
80 g datteri denocciolati
1 cucchiaio cacao amaro (10 g)
80 g acqua

PROCEDIMENTO
Per prima cosa dobbiamo tostare le nocciole, quindi accendiamo il forno statico a 170º.
Nel frattempo mettiamo a bagno i datteri per circa 30 minuti.
Stendete le nocciole su di una leccarda e tostatele per 10 minuti. Dopodiché, appena si sono intiepidite, sfregatele all’interno di un canovaccio per togliere il più possibile le pellicine.
Mettete le nocciole nel boccale di un frullatore, e frullate fino a che si trasformeranno in crema. Il tempo che ci impiegherete dipende dal tipo di frullatore che avete, più o meno potente.
Aggiungete cacao e datteri, scolati dall’ammollo, alla crema di nocciole, unite gli 80 g di acqua fresca e frullate fino ad ottenere una consistenza cremosa. Aggiungete altra acqua al bisogno, poca, facendo attenzione a non esagerare e a non far diventare il composto troppo liquido.
Si conserva in frigorifero per una settimana. Da me finisce ben prima di una settimana!
Buon goloso esperimento!

ricetta e immagini di VEGALLEGRI

A TUTTO PANCAKE! [senza glutine]

A TUTTO PANCAKE! [senza glutine]

“Il pancake è veramente un’ottima proposta per la colazione mattutina: veloce da preparare, sfizioso, versatile e buono. Ne ho sperimentate differenti versioni, tutte accompagnate con farciture dolci: marmellata, miele, sciroppo d’acero, cioccolata spalmabile. Ho usato diverse farine, prevalentemente proteiche, diluite con tanti tipi di liquidi, dall’acqua al latte vaccino o di capra al latte vegetale. Ho fatto pancakes senza lievito, col lievito per dolci o cremor tartaro, col bicarbonato, con l’albume d’uovo e senza albume; ho anche aggiunto lo yogurt al caffè o greco. Il risultato è stato sempre eccellente, almeno per i miei gusti. Sicuramente i pancakes con l’acqua risultano meno gustosi, dall’aspetto e al gusto più lisci degli altri. Quelli con lo yogurt, l’albume e il lievito o cremor tartaro i più soffici. Tutti, però, gustati caldi con la marmellata o la farcitura desiderata al momento sono buoni.
Scrivo, di seguito, alcune tra le ricette che mi piacciono di più.

Annalinda Pasquali

 

 

PANCAKE ALLA FARINA DI CECI E CASTAGNE

ingredienti:

  • 1 cucchiaio colmo di farina di castagne
  • 1 cucchiaio colmo di farina di ceci
  • 5 cucchiai, circa, di latte di mandorle o di riso o di cocco, a seconda dei gusti.
  • Olio extravergine di oliva per ungere il padellino.

 

PANCAKE CON FARINA DI RISO, QUINOA E FARINA DI COCCO GREZZA

ingredienti:

  • 1 cucchiao raso di farina di riso
  • 1 cucchiaio raso di farina di quinoa
  • 1/2  cucchiaio di farina di cocco grezza
  • cannella nella quantità desiderata, a seconda del gusto
  • acqua o latte vaccino o vegetale 2/3 cucchiai
  • la punta di un cucchiaino di lievito
  • 2 cucchiai di albume
  • olio extravergine di oliva per ungere il padellino.

 

 

PANCAKE CON FARINA DI RISO,  DI CASTAGNE E YOGURT

ingredienti:

  • 1 cucchiaio di farina di riso
  • 1 cucchiaio di farina di castagne
  • 2 cucchiai di yogurt (io metto quello al caffè)
  • 2 cucchiai di albume
  • latte di mandorle o riso per diluire l’impasto.
  • la punta di un cucchiaino di lievito o cremor tartaro o un pizzico di bicarbonato
  • olio extravergine di oliva per ungere il padellino.

 

 

 

procedimento:

La pastella deve risultare morbida, ma non eccessivamente liquida, pertanto i cucchiai di latte vegetale o vaccino possono variare nella quantità, così come l’acqua, a seconda di quanti ne assorbe la farina. Chi lo desidera può aggiungere lo zucchero nell’impasto. Un trucco per far assorbire bene i liquidi alla farina è quello di mescolarli e lasciarli riposare almeno 15 minuti prima di versarli nel padellino.

Ricetta e foto di Annalinda Pasquali