Il “sagu de vinho tinto” (vino rosso) è la ricetta emblematica del “sagu”, un prodotto relativamente recente sviluppato da immigranti tedeschi con materia prima nazionale – la manioca – associata al vino, prodotto portato da immigranti italiani. Perle di tapioca al vino rosso è un bellissimo esempio di piatto tipico brasiliano frutto della integrazione tra le culture.
Le palline di “sagu”, una volta cotte, diventano trasparenti e gelatinose e non hanno un sapore proprio. Il caviale dolce, come vengono chiamate le perle di tapioca, può essere preparato anche con succhi di frutta (uva, arancia, ananas) o latte.
Le prugne in questa ricetta sono facoltative perché “sporcano” un pochino il cristallino del “sagu”, ma sono tanto buone…

Ingredienti:
• 150 g di sagu de mandioca
• 700 – 900 ml di acqua
• 300 ml di vino rosso
• 150 g di zucchero di canna integrale
• 3 chiodi di garofano
• 1 stecca di cannella
• 15 prugne secche snocciolate, facoltative

Procedimento
1. In una pentola con fondo spesso portare ad ebollizione l’acqua con il “sagu”, la cannella e i chiodi di garofano. Abbassare il gas e cuocere a fiamma dolce per 20 – 30 minuti, mescolando ogni tanto, finché quasi tutte le palline diventano trasparenti. Aggiungere più acqua se necessario, per non lasciar asciugare. Per questa ricetta servono perle di tapioca brasiliane.
2. Unire il vino, lo zucchero e cuocere finché tutte le palline diventano trasparenti. A piacere aggiungere prugne a pezzettini. Ci vogliono circa 15 minuti. Deve rimanere molto liquido perché, da freddo, questo dolce gelatinoso si rapprende un po’.
3. Eliminare la cannella e i chiodi di garofano.
4. Versare in un contenitore da portata o in ciotoline individuali e servire freddo, a piacere accompagnate da una cucchiaiata di crema pasticcera, di crema inglese o di zabaione.
5. Conservare in frigo.

6 – 8 porzioni.

ricetta e foto di  Flammarion Vieira Magalhães