Project Description

Frutta semiacida (contenuto in vitamina C tra 29-10 mg/100 gr)

La pesca stimola la secrezione gastrica.
Ha natura tiepida, sapore acido-aspro, dolce. I meridiani destinatari sono: Polmone. Intestino crasso, Stomaco. Nutre lo yin, promuove la formazione di liquidi, ha effetto astringente, umidifica l’intestino, mobilizza il sangue e tratta gli accumuli (molto attivo il seme). Indicata per sete eccessiva, bocca asciutta, stipsi da secchezza, tosse, asma (cuocere le pesche a vapore con zucchero di canna) amenorrea, ematuria.

 pesca-02H38843

FONDAMENTI DI NUTRIZIONE – Aspetti chimici, energetici e simboli degli alimenti – Catia Trevisani
Edizioni Enea – SI.RI.E srl – Milano 2007

www.edizionienea.it

La pesca (Prunus persica), secondo diverse fonti, ha le sue origini in Cina dove se ne coltivavano moltissime varietà. In tutto il Medio Oriente veniva utilizzata per i disturbi digestivi e per depurare l’organismo; non si scartavano neppure le foglie di questo fantastico albero che è il pesco in quanto considerate vermifughe. I fiori del pesco, in infusione erano ottimi contro i reumatismi. Ecco perché era il simbolo di lunga vita e di benessere. In Europa, invece, c’era  molta diffidenza in quanto si era a conoscenza che la mandorla contenuta nel nocciolo della pesca era estremamente velenoso perché contiene l’amigdalina che sprigiona acido cianidrico.

Questo è vero, ma data anche la consistenza del nocciolo è quasi certo che pochi trarrebbero piacere dal provarlo.

Al suo esterno però  c’è qualcosa di davvero prezioso.

pesco

Oggi nei mercati

Le varietà presenti oggi sono dalle più comuni, pesca bianca, pesca gialla, pesca noce o nettarina alle meno note, tabbacchiera o saturnina, la Percoca (matura molto tardivamente tra settembre e ottobre), la pesca di Bivona o montagnola (chiamata così perché coltivata appunto a Bivona, un’area collinare in provincia di Agrigento) e la pesca Merendella (diffusa in Calabria) e tutte possiedono gli stessi nutrienti, con differenze minime, date non dalla vareità, ma dalla provenienza e dalla maturazione.

Depurativa

La pesca contiene acido citrico che ha la peculiarità di eliminare le tossine; 
Grazie alla sua ricchezza di vitamine (A, B1, B2, B3, B4, C) è un ottimo antiossidante e rientra quindi nella lista di quegli alimenti di cui non possiamo fare a meno se vogliamo scacciare i radicali liberi. Gli antichi avevano intuito che la pesca fosse diuretica e depurativa. Oggi sappiamo che questa caratteristica è data dalla presenza di acqua e fibre di cui sono ricchi quasi tutti i frutti.

Screenshot_2016-06-26-17-33-57

Una bottiglia d’acqua e una pesca.


Non è finita qui. Questo frutto ci fornisce alcuni dei minerali essenziali per il funzionamento del nostro organismo, potassio ( fosforo, magnesio e in quantità più ridotte calcio, ferro e zinco).

Questi vengono espulsi in grandi quantità dal nostro organismo soprattutto quando si alzano le temperature e dato che reidratarsi con l’acqua non basta, ecco accorre in aiuto la frutta (ma anche la verdura)

Sentito parlare della pesca Melba?

Quel dessert strepitoso in cui le pesche vengono cotte nello sciroppo di zucchero e una volta lasciate riposare vengono semplicemente adagiate su una pallina di gelato alla vaniglia e poi ricoperte con  purea lamponi. Armoniosa, come lo è d’altronde la sua storia che coniuga cucina e musica. Il creatore della pesca Melba è lo stesso Chef che ha contribuito a trasformare la cucina in un’ arte al pari della pittura, il grande Escoffier. La sua fonte di ispirazione fu il soprano austrialiano Nellie Melba a cui dedico appunto questo dolce. Può venir considerato un dolce inglese semplicemente perché si narra che Escoffier lo servì per la prima volta a Londra.

314_0

Non sentite già odore di pesca?


Quella polpa colorata e succosa… L’ unica “controindicazione”? Contiene fruttosio, come tutta la frutta; sì è zucchero naturale e da preferire, ma comunque zucchero, quindi, come ogni cosa, consumiamola con parsimonia.
Soprattutto d’estate la frutta in generale non deve mancare un solo giorno nelle vostre tavole!

Giulia Moscatelli

Atlante dei frutti antichi, Elena Tibiletti, M. Grazia Tibiletti Bruno
,Edagricole-New Business Media 

http://www.viversano.net/alimentazione/mangiare-sano/pesche-proprieta-controindicazioni/