Siamo finalmente in primavera . La stagione del risveglio della natura, dei fiori, delle temperature più miti….. non è vero niente . Quest’anno purtroppo il tempo ci ha riservato un brutto scherzo. Le temperature restano ancora molto basse, il sole si concede poco e tutto ciò non aiuta certo l’orto e il frutteto. Le colture sono molto indietro nello sviluppo e le piante che avevano cominciato timidamente a far sbocciare le gemme con l’arrivo di nuovo del freddo hanno avuto dei problemi in quanto molte di esse hanno perso i fiori.
I prodotti del poster sono quelli tipici dei mesi invernali e molti vengono da fuori perché le gelate eccezionali che hanno interessato gran parte del paese hanno rovinato i prodotti dell’orto.
Fave e piselli sono pressoché fermi e da una parte è un bene perché se fossero più avanti nello sviluppo, cioè con i fiori, il freddo li avrebbe bruciati. Speriamo che le temperature comincino ad essere allineate al periodo. Anche per le potature, importanti in questo periodo, è un rischio in quanto la pianta quando viene potata è come se si aprisse una ferita a cui il freddo può procurare gravi danni.
Intanto possiamo cominciare però a seminare le colture estive negli alveoli come pomodori, peperoni, zucchine, ecc. tenendoli alla luce del sole perb non farli filare ma al caldo.

Titti Turrini

prugno

gemme di pesco

piselli

fava

agli

carciofi

potature di olivo

gemme di ciliegio

pesco giapponese [è una pianta ornamentale]

testo e foto di Titti Turrini