Unknown

Sapore Wei

 

Il sapore è uno degli aspetti più fini del cibo, ma è meno sottile, più rispetto al Jing e alla natura. Questo ha un impatto sulla materia, inteso come forza corporea, oltre che sull’energia Qi. Si distinguono cinque sapori fondamentali e due accessori:

  • acido-aspro Suan
  • amaro Ku
  • dolce Gam
  • piccante Xin
  • salato Xian
  • insipido Dan
  • astringente Se

I sapori si oppongono alla natura del Movimento corrispondente, ogni organo ha una tendenza energetica e il sapore che lo nutre si oppone al suo movimento energetico per mantenere un equilibrio. Per quanto riguarda gli organi è importante distinguere la forma Xing, la materialità dell’energia Qi da essi prodotta  si identifica nelle loro funzioni.

Lo Xing comprende anche tessuti correlati e gli organi di senso. Ad esempio lo Xing del Fegato si identifica con l’organo anatomico, i tendini, le unghie, gli occhi e il sangue mestruale. La sua funzione principale è assicurare la libera diffusione del Qi che consente una buona digestione, un equilibrio emozionale, un buon ciclo mestruale. Inoltre alloggia lo hun , l’anima eterna, la componente inconscia della psiche. I sapori hanno diverse azioni sullo Xing e sul Qi degli organi.

 

maxresdefault

 

Lo Xing del Fegato e i sapori

 

Il sapore acido-aspro è collegato all’organo Fegato e al Movimento Legno. Nel passaggio dell’Acqua al Fuoco, il Legno corrisponde ad un movimento esteriorizzazione, dematerializzazione, è l’inizio dello yang, la sua funzione è muovere e distribuire e in questa processo il Fegato tende a svuotarsi delle propria energia che si porta verso l’esterno. L’acido invece porta all’interno, è condensante, contratturante ,detraente, trattiene e stabilizza, nutre lo yin. Rispetto al Fegato che all’esteriorizzazione e alla dissipazione dell’energia, il sapore correlato gli consente di non svuotarsi e di mantenere un equilibrio, costituisce una struttura fisica adeguata nel contenere un Qi che tende a disperdersi. Dunque l’acido, in piccola quantità, è tonificante, nutre la forma e non l’energia del Fegato che invece va in direzione opposta, un eccesso di acido ne lede al corporeità, tende a contrarre e indurire i tendini. Inoltre l’acido è in grado di corrodere e  canalizzare, per esempio può essere di aiuto per disostruire la circolazione sanguigna in un vaso, tanto più se associato al piccante che mobilizza.

La proprietà astringente, più correlata al sapore Se, è la capacità di trattenere i liquidi che l’organismo tende a perdere con il sudore, la diarrea, la spermatorrea, ecc. L’astringente è simile all’aspro, è anch’esso correlato al Movimento Legno ed è particolarmente specifico per trattenere, limita la perdita di liquidi: diarree, forti sudorazioni, perdite seminali, eiaculazione precoce, ecc.

 

 

 

Lo Xing del Cuore e i sapori

 

L’amaro è collegato all’organo Cuore e al Movimento Fuoco che rappresentano il massimo yang, la massima espansione, il dinamismo, la mobilità, l’elasticità della fiamma. I vasi sanguigni sono elastici e nella circolazione sanguigna vi è un grande dinamismo. Questo sapore è addensante e tende a disseccare, a eliminare le componenti umide prosciugando i liquidi, asciuga, non drena, cioè porta via solo la parte liquida, non il torbido, le componenti solide. Tende dunque ad indurire a rassodare. Purifica il calore e porta verso il basso, ha dunque proprietà evacuative. Dunque una piccola quantità di amaro tonifica il Cuore e vasi, in eccesso li lede, indurisce i vasi.

 

T'ang_Yin_003

 

Lo Xing  della Milza e i sapori

 

Il dolce è l’unico sapore che non ha un effetto opposto al suo Movimento, la Terra, ma va nella stessa direzione. Tende a rilassare, ad armonizzare l’organismo, nutre, tonifica, umidifica, seda, ha effetto antispastico. In eccesso lede Milza, Pancreas, Stomaco, il tessuto connettivo, i muscoli e il loro trofismo, la bocca, le labbra, ecc. l’insipido somiglia al dolce, è anch’esso collegato al Movimento Terra, ma è più blando, drena l’umidità  e promuove la diuresi, si utilizza in caso di ritenzione idrica ed edemi

 

 

 

Lo Xing del Polmone e i sapori

 

Il piccante è collegato al Polmone e al Movimento Metallo che tende all’interiorizzazione, è il passaggio dallo yang allo yin, l’energia tende alla contrazione. Il sapore piccante ha un movimento opposto, muove l’energia verso l’esterno, superficializzata, fa sudare, se assunto i piccole quantità tonifica, nutre e mantiene la struttura dell’organo che è leggera dinamica, aperta.

Si utilizza in caso di ristagni di energia, liquidi e sangue e nelle malattie come influenza, raffreddore, ecc in cui vi è la penetrazione di u  fattore patogeno esterno [freddo, vento, virus, ecc]. Questo sapore in eccesso lede lo Xing del Polmone, l’organo e i tessuti correlati: la pelle, i peli, il naso e l’albero respiratorio.

 

 

 

Lo Xing del Rene e i sapori

 

Il salato è collegato all’organo del Rene e al Movimento Acqua che tende alla massima concentrazione, è il massimo yin. Il salato che è ammorbidente, rammollente, evacuante, che porta alla dematerializzazione rompendo masse, dissolvendo noduli e ammassi, se assunto in piccole quantità costruisce il Rene come struttura no rigida, tonifica la forma dell’organo e i tessuti correlati come ossa e capelli, in eccesso li danneggia.

 

cinese cucina

 

I sapori che la Medicina Tradizionale Cinese attribuisce agli alimenti talora ci può trovare discorsi perché siamo abituati a sapori estremi e perché siamo stati abituati in base agli effetti osservabili dello specifico alimento sul corpo. Inoltre spesso un alimento contiene più sapori e la sua azione è la sommatoria degli effetti dei diversi sapori. Vi è anche una sinergia tra sapori diversi:

  • l’acido e il dolce favoriscono la produzione di liquidi, il primo li trattiene, il secondo umidifica, è proprio di molti frutti.
  • Il dolce e il piccante che, per esempio, sono combinati nella rapa, hanno effetto di tonificazione della Milza e mobilizzazione sull’intestino per cui eliminano gonfiori addominali e favoriscono la digestione.
  • Il dolce e l’insipido di una minestra di riso hanno azione di tonificazione della  Milza ed un effetto diuretico.
  • Il piccante e il salto sono sinergici, il primo muove il secondo scioglie le masse, si possono creare ricette che combinano gli effetti di questi sapori [zuppa con ostriche o cozze, o alghe e sedano].
  • L’amaro con l’insipido e particolarmente drenante.

La combinazione di sapore e natura ne può ancora intensificare l’azione. Ad esempio, il peperoncino rosso è piccante e caldo, si avrà un forte effetto yang, disperdente, mentre l’origano che è piccante e fresco ha un’azione yang, disperdente inferiore; la cicoria è amara e fresca per cui l’effetto yin è intenso come dispersione di calore.

Un sapore in eccesso lede lo Xing dell’organo che , attraverso il Ciclo di inibizione gli corrisponde. L’eccesso di aspro-acido lede Milza e Stomaco [ulcera gastrica]; l’eccesso di amaro [il fumo è amaro-piccante] lede il Polmone [carcinoma], dissecca la pelle e i peli; l’eccesso di dolce lede il Rene [denti], facilità i dolori ossei [osteoporosi] e fa cadere i capelli; l’eccesso di piccante [alcool] lede il Fegato [cirrosi] e avvizzisce le unghie; l’eccesso di salato lede il Cuore e danneggia i vasi [ipertensione].

La lesione degli organi attraverso i sapori segue anche il ciclo di controinibizione. Per esempio un eccesso di amaro lede lo Xing del Rene. Dunque vi sono tre sapori che se assunti in eccesso indeboliscono un organo. Una persona con problemi ai reni non dovrebbe mangiare né troppo salato, né troppo dolce, né troppo amaro.

Il processo di controinibizione è valido per tutti gli organi eccetto il Fegato, infatti normalmente questo inibisce la Milza ma non accade il contrario, l’eccesso di dolce non danneggia il Fegato, ma il Cuore in quanto si contrappone all’amaro. Infine la Milza ha un’azione centrale dal punto di vista digestivo, quindi tutti i sapori in eccesso danneggiano la Milza. Quindi, si conclude dicendo che un’alimentazione sana è equilibrata nell’uso dei vari sapori.

 

4.-Huizong

 

FONDAMENTI DI NUTRIZIONE – Aspetti chimici, energetici e simboli degli alimenti – Catia Trevisani
Edizioni Enea – SI.RI.E srl – Milano 2007

www.edizionienea.it