images

La conoscenza del Ciclo dei cinque Movimenti, una delle teorie chiave della Medicina Cinese, consente una maggiore comprensione della nostra relazione con i diversi alimenti, in rapporto con l’ambiente. I cinque movimenti rappresentano un sistema che permette all’uomo microcosmo di sincronizzarsi con l’universo macrocosmo. Il numero cinque ha valore simbolico, è l’espressione di 2 + 3, dove 2 rappresenta il Cielo e 3 rappresenta la Terra. L’uomo situato tra Cielo e Terra risente dei loro ritmi e influssi. I cinque Movimenti rappresentano un sistema omeostatico [di equilibrio dinamico con il minimo dispendio di energia] non solo all’interno dell’uomo, ma anche in rapporto a ciò che lo circonda.

did-01-tabella

Abbiamo visto che tutto ciò che esiste è energia: questa energia va incontro a cinque processi di trasformazione in un ciclo che vede un continuo, ininterrotto passaggio dello yin nello yang e viceversa, nello spazio, nel tempo e nel nostro organismo. Ognuno dei cinque Movimenti corrisponde ad un movimento ben preciso del ciclo yin-yang.

tao

La crescita dello yin, che sale verso lo yang, corrisponde al Movimento Legno, rappresentato dall’albero e dalla spinta verso l’alto, è l’energia del germoglio che buca il seme e crescendo si sviluppa in direzione del cielo, è lo stesso movimento dell’alba, dell’est, dell’equinozio di primavera.

Nel suo movimento di salita e di espansione l’energia arriva al massimo yang che viene associato al Movimento Fuoco, al mezzodì, al sud, al solstizio d’estate al caldo, è il momento di massima forza centrifuga, siamo oltre lo stato gassoso, nel mondo delle vibrazioni. E’ l’energia del fiore che esplode in tutta la sua bellezza, ma subito dopo, il massimo yang si trasforma nello yin, il Movimento dell’energia cambia e ridiscende, i petali cadono, siamo ad un momento di passaggio, dopo la massima espansione inizia la contrazione e si arriva al Movimento Terra, l’energia si condensa nella materia solida compatta, è il passaggio al frutto, è il primo pomeriggio, la fine dell’estate. Poi lo yin cresce ancora, aumenta la forza di coesione e di interiorizzazione, la contrazione arriva al massimo della compattezza, si passa al Movimento Metallo  che rappresenta il massimo della durezza e della profondità, è l’energia del tramonto, dell’ovest dell’autunno, del seme che nella profondità della terra “muore” per dar vita, più tardi, alla nuova pianta.

images-1

Prima di risalire l’energia passa attraverso una fase di pausa, è il Movimento dell’Acqua che corrisponde, in natura, al tempo del riposo, è lo stato intermedio tra il Metallo che si fonde e l’energia che riprende a scorrere, è il massimo yin, il buio la mezzanotte, il nord, il freddo, la radice. Quando lo yin raggiunge il massimo della sua espressione si trasforma nello yang, si torna al Movimento Legno in un ciclo che non ha mai fine. Attraverso infinite analogie si determinano, così, numerosissime corrispondenze fino ad arrivare a quelle con gli organi, i tessuti e i visceri dell’uomo.

Tabella-5elementi_0

I cinque Movimenti, talvolta denominati anche elementi, simboleggiano dunque cinque differenti qualità e stati dei fenomeni naturali. Ciò è spiegato chiaramente in un brano tratto dal Shang Shu:

 

L’acqua scorre verso il basso umidificando, il Fuoco divampa verso l’alto, il Legno può essere piegato e raddrizzato, il Metallo può essere modellato e temprato, la Terra permette la semina, la crescita e il raccolto. Ciò che bagna e discende (Acqua) è salato, ciò che divampa verso l’alto (il Fuoco) è amaro, ciò che può essere piegato e raddrizzato (Legno) è acido, ciò che può essere modellato e temprato (Metallo) è piccante, ciò che permette la semina e al crescita (Terra) è dolce.

 

I cinque movimenti simboleggiano cinque diverse direzioni di movimento dei fenomeni naturali. Il Legno rappresenta verso l’esterno in tutte le direzioni, il Metallo rappresenta il movimento di contrazione verso l’interno, l’Acqua rappresenta il movimento verso il basso, il Fuoco rappresenta il movimento verso l’alto e la Terra rappresenta la neutralità o la stabilità.

FONDAMENTI DI NUTRIZIONE – Aspetti chimici, energetici e simboli degli alimenti – Catia Trevisani
Edizioni Enea – SI.RI.E srl – Milano 2007
www.edizionienea.it