Adesso fai attenzione perché qui trovi il cuore di tutto l’Igienismo, dove tutto ha avuto inizio, ovvero con il Diagramma di Tilden.

Tilden è stato il vero caposcuola dell’Igienismo, anche se nel suo periodo storico, molti autori si sono avvicinati a quelle che possiamo definire le sue scoperte.

Era un medico convenzionale e profondamente religioso che, ad un certo punto, si è posto la domanda: “Perché le persone si ammalano? Che cosa causa la malattia?” – elaborando così un diagramma per spiegare l’origine della Tossemia e delle cosiddette malattie.

 

 

La prima cosa che dice Tilden:

Attenzione la malattia è l’espressione della Tossemia“.

Ricorda che per i primi igienisti la Malattia non è causata dalla Tossiemia bensì è espressione di essa. Perché se è co-causata vuol dire determinata, invece è soltanto un’espressione.

In parole povere, quando c’è l’aumento della tossiemia c’è la formazione di malattie, acute prima e cronico degenerative in seguito, come tentativo dell’igiene naturale di abbassare la tossiemia.

In pratica, se aumentano le Tossine cerco di buttarle via attraverso le malattie acute (vomito, eruzioni cutanee, diarrea, febbre, etc.) e se non ci riesco creo delle discariche di tossine all’interno del mio corpo (le malattie acute.)

Cosa determina la Tossemia?

Lui dice:

Cos’è che determina la Tossemia? Convinzioni, abitudini, comportamenti, stili di vita.

Convinzioni, abitudini, comportamenti e stili di vita “errati”, possono determinare una tensione fisica, mentale ed emotiva, che determinano un indebolimento dell’organismo (enervazione).

Con l’indebolimento dell’organismo, fegato, reni e polmoni, non riescono ad eliminare sufficientemente le tossine prodotte. Avviene così l’aumento e la ritenzione di scarti metabolici  che derminano la tossiemia.

Nel momento in cui si alza la tossiemia il corpo reagisce con crisi di disintossicazione. Che sono le malattie acute prima e quelle croniche dopo (come detto sopra).

Che fine fanno queste tossine?

Devi sapere una cosa importante: le tossine non possono trovarsi nel sangue. Il sistema non accetta assolutamente che le scorie metaboliche si trovino nel sangue arterioso o nel liquido interstiziale.

Immagina il procedimento:

  • mangio,
  • digerisco,
  • assorbo,
  • porto nutrimento alle cellule di tutto il corpo,
  • alle cellule arriva il nutrimento,
  • le cellule prendono il nutrimento dal sangue, lo rielaborano, prendono ciò che gli serve e buttano nel sangue le scorie metaboliche,
  • le scorie metaboliche vengono riprese, attraverso il sangue, e vanno a finire a fegato, reni e polmoni per essere eliminate dal sistema,
  • se non riesco ad eliminarne abbastanza attraverso fegato, reni e polmoni, ecco che aumenta la Tossemia.

La tossiemia è inconciliabile con la vita.

E come se alle cellule arrivasse contemporaneamente cibo e cacca.
Per l’organismo questo è insopportabile, quindi utilizza delle strategie immediate per abbassare la tossiemia nel sangue.

Quali sono queste strategie?

  • Inappetenza
  • Vomito
  • Diarrea
  • Febbre
  • Eruzione cutanea
  • Cioè tutte le cose che chiamiamo malattie acute.

Se con le malattie acute non ce la facciamo a buttare fuori, arrivano le malattie croniche, ovvero creo delle discariche all’interno del mio corpo, concentro le tossine nella discarica e il resto dell’organismo è libero dalle tossine.

Tutto questo sempre secondo la visione igienista.

Quelli che chiamiamo sintomi o malattie sono  solo dei programmi biologici sensati, finalizzati alla sopravvivenza, ma il fatto che siano finalizzati alla sopravvivenza, non vuol dire che siano sempre efficaci.

E’ come se volessi dire:

I tentativi di abbassare la Tossiemia , sono dei programmi, delle strategie di sopravvivenza, che hanno sì la finalità di abbassare la tossiemia, però potrebbero anche portarti alla morte.